Ultimi Post

Storytelling non è fiction

di Andrea Bettini

Così almeno è come lo intendo io. C’è un elemento che fa da discriminante tra lo storytelling e la fiction. Questo si chiama autenticità. Lo storytelling lo si presenta come una modalità persuasiva che adotta il racconto per intercettare la sensibilità dei suoi fruitori, in primis i clienti. Duranti i miei incontri spesso mi viene posto proprio l’interrogativo legato alla veridicità o meno dei racconti che si fanno portatori con modalità diverse delle aziende con i propri...

Permalink

I TORTURATORI DI GENOVA NEONAZISTI di Luca, Francesco, Oli e Luis

di Luca Boschi

Li hanno picchiati, malmenati, costretti a strisciare per la caserma gridando “viva il Duce, viva Hitler”. Con le ragazze minacciate di stupro “Entro stasera con voi faremo come in Kosovo”.La Corte Europea ha appena condannato l’Italia perché alla Scuola Diaz al G8 di Genova fu tortura, ma per l’assenza di una legge le forze dell’ordine colpevoli rimangono impunite.I partiti di Governo ci dicono “l’approveremo entro pochi mesi” ma sono 14 anni...

Permalink

ALLA DIAZ, NOTORIAMENTE, LA POLIZIA HA TORTURATO UN BEL PO’

di Luca Boschi

Ma non è reato, nella bastarda Italia della barbarie. Quindi solo un po’ di soldi da pagare, che non pagheremo noi, lo stato, ma i poliziotti che hanno torturato, vendendo i loro beni, quelli delle loro famiglie, eseguendo lavori forzati, qualsiasi cosa, pur che paghino.Così ha deciso l’Europa.Dal punto di vista formale, lo stato italiano (barbaro, come è facile constatare anche da altri punti di osservazione) ha violato l’articolo 3 della convenzione sui diritti...

Permalink

FLASH GORDON: IL TELEFILM IMPOSSIBILE, OGGI

di Luca Boschi

Flash Gordon, di Carmine Raymond.O di Alex Lampert Fox.Oppure, anche, forse, di Carmine Gardner…Telaraccomando.Grazie a Loris Cantarelli per la segnalazione dell’obbrobrio impagabile.E comunque, non c’è solo il Corriere a dover mettere a punto la sua attenzione per il medium.(Per chi non lo sapesse, questo è Lillo, NON Greg!)

Permalink

The Italian Job le serie italiche

di Simone Arcagni

Iniziamo a dire che il fenomeno webserie in Italia ha una sua consistenza. Secondo Giusy Mandalà di “EmergingSeries” nel 2014 sono state prodotte circa 65 webserie, senza contare quelle iniziate negli anni precedenti e senza prendere in considerazione quelle aziendali (che spesso durano lo spazio di una campagna pubblicitaria o di una manifestazione), le brand serie e i webdoc seriali. Per Janet De Nardis, direttrice del Roma Web Fest, dopo gli Stati Uniti e la Francia l’Italia...

Permalink

Saper cogliere l’attimo fuggente

di Gabriele Caramellino

 Sai cos’è la musica? E’ Dio che ci ricorda che esiste qualcos’altro in questo mondo!E un paio di giorni fa, Robin Williams ha deciso di lasciare questo mondo, suicidandosi a 63 anni. E’ stato uno degli attori più versatili e più talentuosi dello star system, capace di interpretare con profondità una molteplicità di maschere umane, dal leggendario professor John Keating nel film L’Attimo Fuggente (1989) fino al solitario Seymour Parrish in One Hour Photo...

Permalink

Basta contenuti, torniamo ai messaggi

di Paola Liberace

Prima o poi, come scrive Luca De Biase, la smetteremo di pensare il mondo dei media in termini di contenitori e di contenuti: e allora forse anche l’operazione appena conclusa all’interno dell’universo di Murdoch -  con BSkyB che acquista Sky Italia e Sky Deutschland dalla 21st Century Fox, che a sua volta fa il pieno di risorse in vista di un’offerta su Time Warner – ci apparirà sotto una luce diversa. Diversa da quella che ha suggerito di leggerla come...

Permalink

Microsoft impara l’arte e la mette da parte

di Paola Liberace

La mossa di Microsoft, che ha annunciato la prossima chiusura degli XBox Entertainment Studios – il polo di produzione per contenuti video originali - sembra in controtendenza rispetto al resto del mondo. Un mondo nel quale in tanti, da Netflix a Amazon, da Yahoo! a AOL, si sono dati o si stanno dando da fare per affiancare al profilo di distributori di intrattenimento – in modalità over-the-top (OTT), vale a dire indifferentemente rispetto alla rete di telecomunicazioni...

Permalink

Arriva la “sensory fiction” dal Mit di Boston

di Michele Weiss

Direttamente da uno dei primi titoli della letteratura cyber-punk arriva la fiction del futuro, ovvero il libro a realtà aumentata. Forse non piacerà troppo ai tradizionalisti, ma quello che è (per ora) solo un esperimento uscito dalle menti di quattro mad brains del corso di Fantascienza del Mit Media Lab, sta già facendo discutere in America e nel mondo anglosassone, ma, c’è da scommetterci, lo stesso capiterà presto anche da noi. “Sensory Fiction” è il nome del progetto e...

Permalink

Sky ci mette (online) la faccia

di Paola Liberace

Non è un caso che Sky, lanciando il suo servizio di TV Over-The-Top (cioè svincolata dalla rete di un determinato operatore, al contrario della IPTV), abbia scelto di metterci la faccia. Contrariamente a quanto aveva fatto Mediaset con il lancio di Infinity, la branch italiana della società di Murdoch ha chiarito da subito a tutti che quella che sta per essere lanciata è Sky Online: stessa TV, stesso brand, a scanso di qualsiasi possibile equivoco (anche comunicativo). In effetti, a quanto...

Permalink