Ultimi Post

Quando la quantità non basta

di Paola Liberace

Due fonti per due stime sul numero di contenuti TV e autoriali arrivano alla stessa conclusione: siamo di fronte a un boom  delle produzioni originali, che secondo FX Networks sono raddoppiate negli ultimi 7 anni, e che per Eurodata nel 2015 hanno visto 8500 nuovi concept introdotti sul mercato. Questo non solo grazie all’accresciuto contributo dei canali via cavo e broadcast,ma anche dei servizi video OTT come Netflix, Hulu e YouTube. Più contenuti, tuttavia, non significa necessariamente...

Permalink

Fatti italo-londinesi

di Gabriele Caramellino

Proprio in questo periodo, avevo in mente di scrivere un post con news per la comunità italiana a Londra.E due giorni fa a New York, a causa di un tumore, è morto uno degli artisti inglesi più innovativi degli ultimi 50 anni: David Bowie (1947 – 2016), detto il Duca Bianco, all’anagrafe David Robert Jones. Era sicuramente un personaggio particolare nel mondo della musica e in generale dell’arte. “Un essere in continuo cambiamento. Una sequenza infinita di...

Permalink

Fiction: italiana, internazionale, sperimentale

di Gabriele Caramellino

Anche il mondo della fiction sta vivendo cambiamenti in questi anni.Anno dopo anno, le strutture narrative risentono dei mutamenti sociali ed economici, e nel caso della fiction televisiva è interessante notare la differenza tra quella italiana (che solitamente parte da schemi produttivi e narrativi tradizionali) e quella internazionale (più disponibile a sceneggiature “innovative”).Si pensi, ad esempio, al successo di una narrazione come Orange is the New Black, ambientata in un...

Permalink

Cose del futuro, del presente e del passato

di Gabriele Caramellino

“Le sorprese migliori sono quelle con un certo grado di imperfezione: cioè che un po’ le immagini, ma non osi sperarci”: questo recente tweet dello scrittore Tito Faraci è buono per riprendere il NòvaBlog dopo la stagione estiva (anche se io e Tito ci vediamo raramente, entrambi apprezziamo alcune cose della vita come ad esempio i fumetti, la musica, la buona cucina).E nell’ultimo mese, ci sono state numerose sorprese nel mondo: alcune positive, altre negative, per finire poi con...

Permalink

LINUS A “OPPURERIDI”, AL FESTIVAL DI TOLENTINO

di Luca Boschi

Dopo svariati mesi di assenza dalle manifestazioni pubbliche, la stagione dell’ex blogger di Cartoonoist Globale ricomicia con la “chiacchierata” inaugurale della terza edizione del primo festival italiano dedicato alla Filosofia dell’Umorismo, organizzato da Popsophia sotto la Direzione Artistica di Lucrezia Ercoli, in collaborazione con la Biennale Internazionale dell’Umorismo nell’Arte di Tolentino.Come la stessa Lucrezia scrive: “intellettuali e artisti di fama...

Permalink

Storytelling non è fiction

di Andrea Bettini

Così almeno è come lo intendo io. C’è un elemento che fa da discriminante tra lo storytelling e la fiction. Questo si chiama autenticità. Lo storytelling lo si presenta come una modalità persuasiva che adotta il racconto per intercettare la sensibilità dei suoi fruitori, in primis i clienti. Duranti i miei incontri spesso mi viene posto proprio l’interrogativo legato alla veridicità o meno dei racconti che si fanno portatori con modalità diverse delle aziende con i propri...

Permalink

I TORTURATORI DI GENOVA NEONAZISTI di Luca, Francesco, Oli e Luis

di Luca Boschi

Li hanno picchiati, malmenati, costretti a strisciare per la caserma gridando “viva il Duce, viva Hitler”. Con le ragazze minacciate di stupro “Entro stasera con voi faremo come in Kosovo”.La Corte Europea ha appena condannato l’Italia perché alla Scuola Diaz al G8 di Genova fu tortura, ma per l’assenza di una legge le forze dell’ordine colpevoli rimangono impunite.I partiti di Governo ci dicono “l’approveremo entro pochi mesi” ma sono 14 anni...

Permalink

ALLA DIAZ, NOTORIAMENTE, LA POLIZIA HA TORTURATO UN BEL PO’

di Luca Boschi

Ma non è reato, nella bastarda Italia della barbarie. Quindi solo un po’ di soldi da pagare, che non pagheremo noi, lo stato, ma i poliziotti che hanno torturato, vendendo i loro beni, quelli delle loro famiglie, eseguendo lavori forzati, qualsiasi cosa, pur che paghino.Così ha deciso l’Europa.Dal punto di vista formale, lo stato italiano (barbaro, come è facile constatare anche da altri punti di osservazione) ha violato l’articolo 3 della convenzione sui diritti...

Permalink

FLASH GORDON: IL TELEFILM IMPOSSIBILE, OGGI

di Luca Boschi

Flash Gordon, di Carmine Raymond.O di Alex Lampert Fox.Oppure, anche, forse, di Carmine Gardner…Telaraccomando.Grazie a Loris Cantarelli per la segnalazione dell’obbrobrio impagabile.E comunque, non c’è solo il Corriere a dover mettere a punto la sua attenzione per il medium.(Per chi non lo sapesse, questo è Lillo, NON Greg!)

Permalink

The Italian Job le serie italiche

di Simone Arcagni

Iniziamo a dire che il fenomeno webserie in Italia ha una sua consistenza. Secondo Giusy Mandalà di “EmergingSeries” nel 2014 sono state prodotte circa 65 webserie, senza contare quelle iniziate negli anni precedenti e senza prendere in considerazione quelle aziendali (che spesso durano lo spazio di una campagna pubblicitaria o di una manifestazione), le brand serie e i webdoc seriali. Per Janet De Nardis, direttrice del Roma Web Fest, dopo gli Stati Uniti e la Francia l’Italia...

Permalink