Ultimi Post

Tagli all’università: in 5 anni persi 2 miliardi (il 15% in entrate strutturali)

di infodata

34,2%, è il rapporto tra entrate e trasferimenti del 2015, mentre nel 2010 era del 26%15%, è la percentuale di entrate strutturali che l’università italiana ha perso dal 2010 al 2015-6,5%, è la percentuale di iscritti persi nei 5 anni accademiciSi tirano le somme nelle casse delle università italiane che dal 2010 al 2015 hanno visto una perdita delle proprie “entrate strutturali” pari al 15% e fatto tagli dell’11,5% nelle uscite...

Permalink

Fisica, chimica e un paio di Sheldon Cooper italiani

di Gabriele Caramellino

Io e un premio Nobel per la Fisica abbiamo fatto la stessa scuola. No, non ridete, ho scritto un’affermazione scientificamente dimostrata: dal 1994 al 1999 ho frequentato il Liceo Classico Pilo Albertelli di Roma, che negli anni Dieci del Novecento vide tra i suoi studenti Enrico Fermi (1901 – 1954), premio Nobel per la Fisica nel 1938 e fisico tra i più significativi del XX secolo. Per chi non lo conoscesse, l’Albertelli è uno dei licei classici più antichi di Roma, in...

Permalink

Il dizionario del #lavorobenfatto

di Vincenzo Moretti

Dieci, cento, mille autori per un dizionario che racconti in maniera leggera – della leggerezza tanto cara a Calvino – idee, esperienze, buone pratiche e visioni legate al #lavorobenfatto. Si può scegliere di proporre voci inedite o di ridefinire voci già pubblicate. Per definire le diverse voci si possono usare non solo le parole ma anche le immagini, i video, i link, le citazioni e così via discorrendo. Le definizioni non firmate sono le mie, le altre sono accompagnate dal nome...

Permalink

Le biotecnologie diventano un “gioco da ragazzi”

di Federico Mereta

Ore 10. Squilla la campanella e si rientra in classe. Inizia la lezione della scienza del futuro. Obiettivo: studiare il Dna e come oggi, e soprattutto domani, la ricerca potrà influire sul patrimonio genetico degli esseri viventi applicando i risultati degli studi per lo sviluppo di terapie innovative, di soluzioni in grado di rispondere ai bisogni alimentari e alla protezione delle specie, di applicazioni capaci di salvaguardare l’ambiente o recuperarlo dopo eventuali incidenti. Ecco quanto...

Permalink

L’egemonia di un modello feudale e l’assenza di un pensiero critico sul mutamento

di Piero Dominici

Ne parlo ormai da tanti anni (ma autonomia e indipendenza spesso non pagano) e se ne comincia a discutere anche se – lo dico con rammarico – facendo sempre attenzione a non infastidire troppo il potere e la politica che ha poi la responsabilità di decidere: manca un “pensiero critico” sul mutamento in atto e, nello specifico, sull’innovazione e sul digitale. Manca un pensiero critico che sappia andare al di là sia delle narrazioni del potere (e della politica) che delle...

Permalink

Lavoro ben fatto e uso consapevole delle tecnologie: diario di una prima elementare

di Vincenzo Moretti

REGISTRO DI CLASSE: Presentazione; 13 Novembre 2015; 18 Novembre 2015; 20 Novembre 2015; 27 Novembre 2015; 30 Novembre 2015; 1 Dicembre 2015; 10 Dicembre 2015; 14 Dicembre 2015; 16 e 17 Dicembre 2015; 21 e 22 Dicembre 2015; 8 Gennaio 2016; 14 Gennaio 2016; 16 Gennaio 2016; 20 Gennaio 2016; 26 Gennaio 2016;PRESENTAZIONE Torna al RegistroFinalmente ci siamo. #Lavorobenfatto arriva al 33° Circolo Didattico Risorgimento di Soccavo, Napoli. L’iniziativa è partita dalla maestra Rosaria Peluso,...

Permalink Commenti (4)

Scuola, concorsone da 63.700 posti

di infodata

Neanche il tempo di archiviare la pratica maxi-assunzioni che per la scuola è già tempo di un nuovo “concorsone”. Il ministero dell’Istruzione ha chiesto formalmente l’autorizzazione all’Economia per bandire, per il triennio 2016-2018, la selezione da 63.700 cattedre riservate ai soli docenti abilitati. A cui si aggiungeranno, sempre nei prossimi tre anni, le 30mila circa stabilizzazioni di altrettanti precari delle Gae che sono rimasti fuori...

Permalink

La società asimmetrica* e la centralità della “questione culturale”: le resistenze al cambiamento e le “leve” per innescarlo

di Piero Dominici

L’evoluzione degli ecosistemi sociali (1996) sta lentamente progredendo verso una ridefinizione delle asimmetrie, che porta con sé l’esigenza di un “nuovo contratto sociale” (2003). Pur essendo letteralmente esplosa la dimensione di ciò che è tecnicamente controllato e controllabile (interconnesso e interdipendente), non possiamo non rilevare come vulnerabilità e imprevedibilità si rivelino sempre più condizioni empiriche delle organizzazioni e degli attuali sistemi complessi. Di...

Permalink

Scuola, l’innovazione va oltre il pc

di nova24

Permalink

Tecnologie alleate ai docenti

di Paolo Ferri

Il recente studio dall’Ocse, «Students, computer and learning: Making the connection», basato sui dati dell’indagine 2012 evidenzia un elemento solo apparentemente sorprendente: le tecnologie, pur indispensabili, da sole non bastano per migliorare gli apprendimenti, occorre investire di più sulla formazione degli insegnanti. Solo la relazione con i docenti può “fare la connessione” tra tecnologie digitali e stili di apprendimento degli studenti. Ma in questi anni gli...

Permalink