Ultimi Post

Cronaca di una notte annunciata

di Vincenzo Moretti

Dopo Maria Giovanna e i suoi 15 tweet è la volta di Gianna Di Russo che attraverso Colomba Punzo mi ha inviato questo racconto dall’Istituto Comprensivo Marino Santa Rosa che è pieno pieno pieno di verità, di speranza e di futuro. Non aggiungo altro, appena avete qualche minuto leggetelo.Tutto era cominciato dall’introduzione di Moretti alla Notte del Lavoro Narrato e dalle testimonianze presenti sul sito, leggendo le quali mi ero trovata immersa in pensieri e riflessioni di altri,...

Permalink Commenti (1)

Educazione Civica @ Digitale al Galileo Ferraris di Scampia

di Vincenzo Moretti

La notizia è che da Lunedi 4 Maggio Uomini e Macchine, Educazione Civica @ Digitale all’ITI Galileo Ferraris di Scampia, Napoli, diretto dall’ingegnere Alfredo Fiore non è più soltanto un’idea, è diventato un progetto regolarmente approvato e protocollato.Il resto lo leggete tra un attimo nelll’articolo ma la notizia ve la dovevo dare subito, perché sono troppo felice. Buona lettura.Uomini e Macchine: Il progetto Educazione Civica @ Digitaledi Nicola  Cotugno,...

Permalink

A scuola per diventare futuri startupper

di Alessia Maccaferri

Magari ci sarà chi è più e chi è meno portato. Ma imparare a fare una startup è possibile. E di questi tempi una buona attitudine d’impresa è richiesta. In alcune scuole superiori ci sono da tempo dei corsi e, da quest’anno gli studenti possono certificare anche le proprie  competenze. “Ci sono arrivate 2mila candidature per mille certificazioni per le quali riusciremo a coprire i costi” spiega Miriam Cresta alla guida di Junior Achievement, associazione non profit...

Permalink

Uomini e macchine: diario di una quinta elementare

di Vincenzo Moretti

Venerdì 8 Maggio 2015Arrivo a scuola come previsto alle 10.30, chiacchieriamo 5 minuti con Colomba mentre i ragazzi finiscono la pausa e poi cominciamo.Provo a raccontare del videogioco che i loro «colleghi» più grandi faranno a Scampia, a spiegare perché ci piacerebbe avere anche il loro aiuto, a dire perché è importante definire bene l’obiettivo del nostro videogioco, ma mentre parlo mi accorgo che sto dicendo troppe cose tutte assieme. Infatti Colomba mi ferma e propone di fare...

Permalink

Imparare a imparare, disimparare, reimparare

di Pierangelo Soldavini

Può capitare che la matematica esca dalle pagine grige dei libri per essere essere insegnata impastando pasticcini: le proporzioni degli ingredienti per passare da 40 a 70 pasticcini servono per comprendere le equivalenze e, alla fine, il risultato viene consumato allegramente insieme. Oppure che la geometria sia fatta non sui libri ma con il corpo: i concetti di angolo retto, di perimetro o di aree possono essere trasmessi con la corsa in palestra, mentre la forma sferica si capisce meglio se...

Permalink

Inventa la scuola del futuro

di Alberto Magnani

Immagina la scuola del futuro. Anzi: inventala. Cosa cercano nella didattica ragazzi nati nel 1998, cresciuti con il cellulare e sbarcati sui banchi quando Steve Jobs presentava un “telefonino” che si sarebbe chiamato iPhone? Come si accordano fotocopie e slide show, lezioni frontali e corsi online da 20mila studenti? Se lo sono chiesto i più di 500 partecipanti di H-ack School, la prima maratona di innovazione scolastica promossa a Milano dal Miur con la collaborazione di H-Farm e Meta...

Permalink

Il potere della clorofilla (sui giovani)

di Alessandra Viola

La buona scuola passa anche da qui: fumetti, disegni, video, animazioni. Tutti dedicati al soprendente mondo delle piante.Non sta bene farsi pubblicità. E infatti qui non si tratta di promuovere il libro Verde brillante. Intelligenza e sensibilità del mondo vegetale che ho scritto con Stefano Mancuso per l’editore Giunti due anni fa (oltre tutto sarei in singolare ritardo, anche se adesso ne esce una nuova edizione con la prefazione di Michael Pollan).SI tratta piuttosto di dare risalto...

Permalink

Alcune riflessioni di Alberto Abruzzese per (tentare di) uscire dall’emergenza universitaria

di Gabriele Caramellino

In un mondo come quello attuale, dove le tecnologie sono sempre più presenti nella vita quotidiana, le discipline umanistiche hanno ancora un senso e un futuro? Sì, perché danno una visione d’insieme del mondo e permettono di avere una prospettiva complessiva sui grandi fenomeni sociali e culturali che avvengono nel corso del tempo, a differenza delle scienze “dure” che definiscono con estrema precisione il proprio campo d’interesse e non sempre si spingono a...

Permalink

Per una comunicazione attenta al genere:un percorso complesso.Tra quadro normativo, linee guida, deontologia e… questioni etiche

di Piero Dominici

Stimolato dalla riflessione di Isa Maggi su La 27esimaora del Corriere della sera e, più generale, dall’articolarsi del dibattito pubblico – che, purtroppo, non può non seguire ed adeguarsi alle fiammate emotive del sistema mediatico (Dominici,2000 e sgg.) – ho deciso di condividere questo mio saggio, estratto da un Rapporto di ricerca, ben sapendo di correre dei rischi dal momento che poco si adatta al formato del post di un blog. A tal proposito, avrei potuto ricavare diversi post...

Permalink

Uomini e Macchine

di Vincenzo Moretti

Ci ho pensato leggendo Homo Pluralis, mi sono detto che bisognava inventarsi qualche cosa per fare in modo che questa bella idea di vivere la nostra condizione di essere umani, nell’era tecnologica, procedendo «ognuno, insieme, con un approccio ecologico ai media» producesse ulteriori narrazioni, dunque nuove opportunità da cogliere, e da moltiplicare.Ora se tu sei L’Institute for the Future di Palo Alto, in California, puoi chiedere – come ci racconta Luca De Biase nel suo...

Permalink