Tag "james bond" 30 risultati

Al ritmo del mondo

di Gabriele Caramellino

"L'attitudine è una piccola cosa che fa una grande differenza", diceva il premier inglese Winston Churchill (1874 - 1965).Di sicuro, il tipo di attitudine che ognuno ha nei confronti del mondo genera molte conseguenze, a volte positive e a volte negative. E ciò vale anche per le questioni globali. Ad esempio, dal 2008 ad oggi si sono notate due attitudini diverse nella gestione della crisi negli Stati Uniti e in Europa: negli States, c'è una gestione più "economico-pratica", che attualmente...

Permalink

CINQUANTA SFUMATURE DI GIGIO

di Luca Boschi

Dei due intervistati di questi giorni, Fabrizio Petrossi e Francesco Coniglio, riprenderemo a parlare nei prossimi post, in dicembre.Intanto scivolate, oggi, fine mese, giù giù sino alla fine di questo post per prendere atto dell'offerta impossibile (ma per qualcuno imperdibile) fatta da Groupalia.L'imbecillità non ha limiti, "mi sia consentito il dire" (citando Giulio Marchetti, alias Battista, nello show Giovanna, nonna del Corsaro Nero).I nostri lettori (e amici, e lettori-amici, che poi...

Permalink Commenti (5)

Autumn in the news

di Gabriele Caramellino

[Aggiornamento: lunedì 15 ottobre 2012, ore 19.24]Per vedere quello che abbiamo sotto il naso, serve uno sforzo costante, diceva George Orwell (1903 - 1950), romanziere e giornalista inglese.Al tempo dell'innovazione permanente, l'informazione è diventata accessibile a molti, tramite quello che oggi è il web. Storicamente, una delle caratteristiche principali del giornalismo è la capacità di selezionare e proporre ciò che è notiziabile. Il discorso, naturalmente, apre ad una trattazione...

Permalink

TOPO GIGIO IN VERSIONE MANGA E IL MUSEO DI DORAEMON

di Luca Boschi

Se non ci sono stati intoppi sulla tabella di marcia, è proprio oggi, come si legge nell'immagine sopra, la data di apertutra a Kawasaki in Giappone del fumettistico e animatorio museo dedicato a Hiroshi Fujimoto (vale a dire Fujiko F. Fujio), che a suo tempo con Motto Abiko (al secolo Fujiko Fujio A), creò il felino ovoidale Doraemon con lo pseudonimo collettivo di Fujiko Fujio.Eccone le intenzioni (in inglese):The intention of our museum is to explore where Mr. Fujio's concept emerged from...

Permalink

Niente post

di Tito Faraci

 Avrei voluto scrivere un post su La nostra vita, film che mi è piaciuto parecchio. Mi limito a dire che tutti gli attori recitano bene, ma proprio tutti, e qualcuno benissimo. Sarà merito loro, chiaro, ma anche di chi li ha diretti. Ma ora sto esplorando l'ovvio.Della litografia di Xerses disegnata da Frank Miller, che fa da antipasto al prequel di 300, ormai hanno già parlato tutti. Per esempio, QUI. Quindi io passo la mano.Jeffery Deaver è l'autore del prossimo romanzo con protagonista...

Permalink Commenti (2)

UWE HEIDSCHOETTER, UN BLOGGERARTISTA DA BERLINO. E... UN BACIO DA TOKYO!

di Luca Boschi

Lasciamo più spazio alle immagini, che alle chiacchiere! Del resto, è quanto fa anche l'artista stesso, nel suo blog che ha quasi quattro anni di vita: Uwe Heidschoetter, trasferitosi da poco a Berlino, la meta di tutti i tedeschi, la città in cui (freschetto a parte) tutti vorrebbero abitare, rappresentando (circa) il fermento creativo che fu incarnato dalla Londra degli anni Ottanta. Mutatis mutandis, sa va sàns dìr! . Uwe lavora sia nel campo delle illustrazioni che dei disegni...

Permalink Commenti (2)

TOPO GIGIO MADE IN JAPAN

di Luca Boschi

Chi di voi aveva mai visto prima questa roba? Spinto dalla forze delle cose, l'ho inserita nella categoria Stracult. Il famoso topo di Maria Perego era... famoso (appunto) anche in Giappone nel 1967, anno al quale sembrano risalire tutti questi articoli sospesi tra il kitsh sfrenato e l'ipnotico, prodotti ufficialmente (non sono tarocchi) molto tempo della sciagurata serie animata, sciroppata anche dai teleutenti italici, nella quale era considerato un alieno. . Come si vede, con Topo Gigio,...

Permalink

La compagnia aerea preferita di James Bond

di A.Di.

FINO A QUESTO momento non c'era mai stata una vera e propria scelta, ed è stato un peccato perché James Bond incarna l'immaginario anni sessanta del Jet Set, la prima delle tre epoche dell'aviazione civile del dopoguerra (seguite dall'epoca delle classi medie con i jumbo jet e il trasporto di massa, per arrivare alla contemporanea epoca del low cost). A partire dall'arrivo di Daniel Craig come 007, la produzione ha fatto però un accordo con Virgin Atlantic, la compagnia...

Permalink